Venerdì, 15 Dicembre 2017 15:32

LE TOGO INTERVISTE: #8 ELEONORA ROCCA

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La realtà virtuale è un mezzo di comunicazione out-of-the-box, alla portata di tutti e dai costi sostenibili che si presta a ogni situazione, in particolar modo a quelle che profumano di digitale. Spesso è più semplice riuscire a trasmettere le proprie idee, i propri pensieri, i propri credo tramite delle immagini, ed è qui che si inserisce la virtual reality, in grado di superare qualsiasi altra tecnologia quanto a empatia ed engagement.

Oggi intervistiamo Eleonora Rocca, marketing manager, imprenditrice e fondatrice del Mashable Social Media Day Italy, che ci prospetterà il suo punto di vista sulla realtà virtuale e sulla sua applicazione in ambito eventi. Il Mashable Social media Day Italy + Digital Innovation Days si svolgerà a Milano dal 19 al 21 Ottobre e, dal 2014, è, senza dubbio, l’evento italiano più rilevante in tema di social media, di marketing digitale e di innovazione.

Eleonora, nella tua biografia dici che “nella vita si può ottenere quello che si vuole, sempre e comunque”. È questa la filosofia che ti ha guidato fino al Mashable Social Media Day Italy?

Diciamo che questa è la filosofia che mi ha guidato ogni volta che mi sono posta obiettivi importanti e difficili da raggiungere. #SMDAYIT è senz’altro uno di questi, ma non l’unico.

In generale credo che la perseveranza, la determinazione e la voglia di fare, unite ad un atteggiamento positivo, possano fare la differenza. Non credo nella fortuna ma nella capacità di fare dei sacrifici al momento giusto, nella capacità di trovare sempre una soluzione e di non fermarsi davanti agli ostacoli, anche quando il gioco si fa duro.

 Mashable Social Media Day

Mashable Social Media Day

Che cosa propone precisamente il #SMDAYIT + #DIDAYS?

L’obiettivo dell’evento è quello di contaminare positivamente il settore digitale e non solo, quello di portare contenuti e casi studio di valore che solo i migliori professionisti sul mercato possono portare, quello di dare una ventata di “internazionalità” ed “energia” al nostro paese, che credo ne abbia molto bisogno.

Durante gli anni in che modo si è evoluto il Mashable Social Media Day Italy dal punto di vista organizzativo e di contenuti?

Si è evoluto davvero tanto, tanto da lasciarmi davvero incredula, se ci penso. É tutto partito da qualcosa di gratuito, di 150 persone, senza alcun budget e senza neppure un sito web, ma solo un evento creato su Facebook. A soli tre anni da quel giorno, lo vedo diventare uno degli eventi più importanti d’Italia nell’ambito del Web Marketing, che si porta dietro una community sempre crescente, che attrae sponsor di rilievo come BNL, Sorgenia e Coca Cola. Anche lato contenuti, a dispetto del nome, si tratta di un evento sempre meno incentrato sul tema social media e sempre più spostato verso un’ottica di Digital Transformation, di Innovazione a 360 gradi. Tratteremo i temi dell’artificial intelligence, dei chatbots, dell’e-commerce, dei droni, dell’On Line Pricing, delle metodologie di business innovative come Agile e Lego Serious Play. Insomma, un vero e proprio Festival dell’Innovazione. Questa è la mia mission.

 Eleonora Rocca

 Eleonora Rocca

La virtual reality risulta molto efficace per coinvolgere il pubblico, ti è mai capitato di avere a che fare con questa tecnologia durante un evento o hai mai pensato di inserirla nel SMDAYIT?

Sì, al Web summit di Lisbona e alla Startup Grind Conference di San Francisco e la risposta è sì, mi avrebbe fatto molto piacere inserirla all’interno di SMDAYIT. Putroppo, però, sono mancati tempo e risorse di team necessarie alla realizzazione del tutto.

Nell’ottica di un sempre maggiore utilizzo negli eventi, quale pensi possa essere la migliore applicazione della VR all’interno del Social Media Day Italy che meglio si potrebbe abbinare con gli obiettivi e le potenzialità di questa tecnologia?

Come si è potuto vedere dalla partnership di Twitter con la notte degli Oscar, i social media stanno diventando uno strumento sempre più potente di amplificazione della reach di qualunque evento fisico. Siamo nell'era in cui gli Spectacles di Snapchat hanno permesso di vivere l'esperienza dei Golden Globes in maniera unica. Un'idea, quindi, potrebbe essere quella di creare un'eperienza di VR all'interno dell'evento e poi impostare un piano strategico di ricondivisione tramite tutti i social a disposizione, per far vivere il tutto appieno anche a chi non può essere fisicamente li. Mi piacerebbe molto creare un Corner VR dove far provare diversi device e far testare esperienze di realtà virtuale. Volendo poi pensare proprio in grande, magari per le prossime edizioni sarebbe bello utilizzarel la VR come "elemento spettacolare” da aggiungere alle presentazioni dei relatori, con un mix di tra visivo e realtà virtuale.

Ringraziamo Eleonora per la sua disponibilità e vi invitiamo a dare un’occhiata al programma di questo interessantissimo evento: http://mashablesocialmediaday.it/

Non perdete tempo, manca poco!

Seguici su

Condividi su Facebook   Seguici su Instagram  
Letto 379 volte